Cerca nel Sito
About usServicesProductsContactSitemap
 
 

Dinamic.it

16/06/2004

Dinamic.it torna on-Line con la nuova veste grafica. Essenziale  sobria e funzionale. Buon Lavoro

Novità

06/05/2005 16:26

A Dinamic.it e' stata implementata una nuova e bellissima sezione chat. Visitate le Stanze, seguendo il link in Servizi, Chat. Buon Divertimento.

Approfondimenti
L'Acquisto
La Ristrutturazione
La Manutenzione
Le Banche
I Mutui
Le Assicurazioni
La Locazione ed il Condominio
Sponsor

Area Privata

Username:
Password:

Registrati

WebMail

Buona Notte

Username:

Password:

@dinamic.it
@motoshop.org
@aruba.it

Link Sponsorizzati

Link Sponsorizzati

 
Guida alle Assicurazioni


Un vademecum sui controlli, sui passi necessari e sulle precauzioni per evitare brutte sorprese.

Seguite il link Assicurazioni Italiane per avere una lista delle maggiori compagnie.

Assicurate la Vostra Abitazione

Cosa copre la polizza per l'abitazione? Garanzia incendio (molto importante)
U
n incendio può provocare anche un danno totale alla casa e compromettere quindi l’esistenza economica del proprietario. La garanzia contro l’incendio può riguardare sia l’immobile, sia il suo contenuto (i mobili). Offre una copertura molto ampia e comprende normalmente anche danni causati da fulmini, tempeste, esplosioni, implosioni, scoppio, grandine, vento, neve, acqua (spesso in questo caso è coperto solamente il danno provocato da rottura accidentale e non quello dovuto a difetto di manutenzione), precipitazioni di aerei e satelliti sulla casa, fumo, gas, onda sonica, fenomeni elettrici, atti vandalici ed eventi sociopolitici come: scioperi, tumulti, urto di veicoli stradali (esclusi quelli dell’assicurato). Spesso sono però esclusi i danni da gelo (importante assicurare la riparazione e la ricerca del guasto), i danni provocati da terremoti, inondazioni, alluvioni e caduta massi. Se abitate in una zona dove è probabile che si verifichi un evento di tale tipo, includete espressamente tali garanzie nel Vs. contratto.
Per fabbricato s’intendono tutti gli impianti fissi; per contenuto e/o arredamento s’intendono tutte le cose che nell’abitazione/casa sono rimovibili.
Sono coperti dalla stessa polizza anche altri edifici come p. es. il garage e il padiglione nel giardino. Questi però non possono superare 1/10 della superficie complessiva assicurata, altrimenti devono essere indicati espressamente nella polizza e assicurati a parte.

L’assicurazione contro l’incendio può essere prevista nelle seguenti forme:

a valore a nuovo e/o di ricostruzione: l’assicuratore si obbliga a pagare la spesa necessaria per la ricostruzione integrale del fabbricato o per il rimpiazzo dei beni mobili, fino al massimale stipulato. Consigliamo di stipulare questo tipo di polizza, sia per il fabbricato che per i beni mobili in esso contenuto, in quanto si evita la liquidazione del danno con riferimento al valore che la cosa assicurata ha al momento del sinistro;
a valore intero: l’assicurazione copre la totalità del valore delle cose assicurate, con la conseguenza che, se il valore dichiarato risulta inferiore a quello effettivamente stimato al momento del sinistro, viene applicata la regola proporzionale (p. es. capitale assicurato Euro 50.000, valore dei beni bruciati Euro 25.000, beni rimasti secondo stima del perito Euro 40.000: valore complessivo dei beni Euro 65.000, l’assicurazione è tenuta a risarcire il 76,92% di Euro 25.000, quindi Euro 19.230). Questa forma è più economica, ma anche molto più rischiosa;
a primo rischio assoluto: l’assicuratore si obbliga a pagare fino al raggiungimento di un certo massimale e non applica la regola proporzionale. Spesso è previsto nella polizza un degrado, cioè che l’assicurazione in caso di danno paga il valore del bene nuovo, depurato dal deprezzamento. Consigliamo questo tipo di polizza a tutti quelli che intervengono personalmente nella costruzione ed ai proprietari di fattoria; per loro sarebbe infatti troppo oneroso assicurarsi con la forma di valore a nuovo.

Ogni fabbricato viene suddiviso in una delle seguenti classi, la quale rappresenta il fattore che determina il premio da pagare:

Classe 1: fabbricati con strutture portanti verticali, solai, pareti esterne e tetto in materiali incombustibili. Nei soli fabbricati a più piani è tollerata l’armatura del tetto in legno; è considerato piano anche il solaio immediatamente sottostante al tetto;
Classe 2: fabbricato con strutture portanti verticali, pareti esterne e manto del tetto in materiali incombustibili, solai o armatura del tetto comunque costruiti;
Classe 3: fabbricato con strutture portanti verticali in materiali incombustibili, solai, pareti esterne e tetto comunque costruiti;
Classe 4: fabbricato comunque costruito.

Ci sono comunque delle tolleranze! È consentito non considerare:

le caratteristiche costruttive di una sola porzione di fabbricato, la cui area coperta non superi un decimo dell’area coperta dal fabbricato stesso;
i materiali combustibili esistenti nelle pareti esterne, nei solai e nella struttura non portante del tetto se la superficie da essi occupata non eccede 1/10 rispettivamente della superficie totale delle pareti esterne, dei solai e della struttura non portante del tetto. Tale tolleranza, limitatamente alle pareti esterne e alla struttura non portante del tetto, è elevata ad 1/3 allorchè si tratti di materia plastica non espansa né alveolare;
i materiali combustibili impiegati per impermeabilizzazione o rivestimento, se aderenti a strutture continue in laterizio, cemento armato o calcestruzzo.

A chi si rivolge la polizza per l’abitazione?
L’assicurazione contro l’incendio è consigliabile a chiunque possieda una casa o sia in affitto (questi ultimi solamente per il „rischio locativo“). La polizza incendio interessa anche chi abita in un condominio, dato che le polizze comuni (polizza globale fabbricato) non coprono il contenuto dell’abitazione del singolo condomino. È importante che nella polizza globale fabbricato sia compresa la garanzia ricorso terzi.

Non mentite al momento della stipulazione del contratto!
Al momento della stipulazione del contratto Vi verrà chiesta una descrizione dell’abitazione: p. es. dove si trova, se è una villa o un condominio, se è costruita in legno o no, se sussiste un sistema d’allarme. Non mentite altrimenti rischiate di non esser indennizzati dall’assicurazione.

_-*-_ Consigli utili:  _-*-_
Prima di stipulare la polizza osservate sempre le seguenti regole:

esclusioni: in genere sono esclusi i danni provocati con dolo o colpa grave, p.es. fumare nel letto, non solo dall’assicurato, ma anche dalle persone che convivono con lui. È importante che la colpa grave sia compresa nella polizza;
franchigie: la franchigia è senz’altro consigliabile, purchè faccia diminuire il premio assicurativo;
prima di stipulare una polizza abitazione, tenete conto di quali rischi volete assicurare, p. es. se basta la sola assicurazione contro l’incendio o se abitate in una zona fredda dov’è importante assicurarsi anche contro i danni da gelo;
ricorso terzi: è una garanzia che risarcisce per danni a beni di vicini a seguito dello sviluppo di incendio, esplosione o scoppio. Copre fino al raggiungimento del massimale assicurato, senza considerare l’effettiva possibilità di danno. Esistono delle polizze RC del capofamiglia nelle quali è compreso il ricorso di terzi a seguito di incendio fino ad una certo massimale prestabilito. Quindi verificate bene se nella VS. polizza RC vita privata sussiste tale garanzia. Se non c’è consigliamo di includere il ricorso di terzi nella polizza abitazione a ogni proprietario/inquilino di un appartamento o di una casa adiacente ad un’altra, non però a quelli che abitano in una casa singola.

Capitale assicurato:
I consigli sul capitale utile da assicurare saranno comunicati in occasione dell’analisi sul fabbisogno assicurativo.

Garanzia responsabilità civile:
È importante non confondere la garanzia Responsabilità civile per danni fatti dall’abitazione a terzi con la responsabilità civile del capofamiglia. La prima copre solamente i danni fatti dall’abitazione ad un terzo, mentre la seconda copre molti danni a terzi. Quindi attenzione: nella polizza della Responsabilità civile dell’abitazione non è compresa la RC del capofamiglia.
Esistono dei pacchetti che contengono sia la garanzia incendio che la responsabiltà civile del buon padre di famiglia.

Assicurarsi durante la costruzione:
Consigliamo di stipulare un’assicurazione RC del costruttore durante la costruzione per eventuali danni cagionati a terzi dalla casa in costruzione. È importante che si stipuli la polizza fino al presunto termine della costruzione della casa con possibilità di prolungamento alle stesse condizioni e allo stesso premio di prima se non si finisce in tempo.

Quanto costa la polizza per l’abitazione?
I consigli sul costo delle polizze abitazione sono comunicati in occasione dell’analisi sul fabbisogno assicurativo. Questa analisi personalizzata Vi darà un’attenta valutazione delle proprie esigenze dal punto di vista del consumatore, evitando così prodotti assicurativi e sprechi inutili.

Cosa fare in caso di sinistro?
Denunciate il fatto accaduto alla compagnia entro il termine fissato nelle condizioni generali (di regola 3 giorni), descrivendo l’accaduto e i danni che ne sono risultati a fabbricato e/o contenuto. Costituite delle prove, p. es. fatte delle foto delle cose danneggiate.

Come disdire polizze costose e/o sbagliate?
Normalmente le polizze abitazione sono vincolanti fino alla scadenza del contratto. Per questo motivo stipulate sempre solo contratti con durata annuale e con rinnovo automatico alla scadenza. Di regola è possibile esercitare il diritto di recesso dal contratto fino al 60° giorno successivo al pagamento dell'indennizzo od alla contestazione formale del sinistro.

Garanzie accessorie nella polizza abitazione
Le polizze per l’abitazione possono assicurare anche il rischio contro il furto. Esistono comunque dei pacchetti "multirischi" che coprono una pluralità di rischi.

_-*-_ Glossario _-*-_

Incendio: Per incendio si intende una combustione con fiamma di beni materiali che può estendersi o propagarsi. Sono esclusi i danni dovuti a fuoco senza fiamme, p. es. la bruciatura di una sigaretta sul tappeto persiano.
Rischio locativo: Se si è inquilino e non proprietario dell’abitazione basta assicurare il c.d. rischio locativo. Assicurate la somma che sareste tenuti a risarcire al proprietario per i danni causati a seguito di incendio provocato da Vostra responsabilità.
Furto:

Tenete sempre presente che la casa non è una cassaforte, ma che le cose di particolare valore vanno tenute in appositi luoghi.

L’assicurazione furto indennizza l’assicuratore per il furto o rapina di quanto contenuto in casa. Spesso è inserito nelle polizze anche l’indennizzo per i danni provocati dai ladri, come p. es. il danneggiamento della serratura. Affinchè il furto sia indennizzabile, è necessario che per entrare in casa siano state violate le difese esterne. Se il ladro entra da una porta o finestra aperta, la copertura non è di regola valida, a meno che non ci fossero persone in casa. Alcune polizze prevedono l’efficacia della garanzia solamente alle seguenti condizioni:

       abitazione situata a piano terreno, primo piano (inferiore a 4 metri di altezza dal suolo) e al piano attico: finestre, lucernari, abbaini e ogni altra apertura che possa portare all'interno dell'abitazione assicurata devono essere protetti per tutta la loro estensione da: serramenti in legno, in materia plastica rigida o in metallo o in lega metallica e chiusi con serrature, lucchetti o altri sistemi di sicurezza manovrabili esclusivamente dall'interno dei locali, oppure da vetro antisfondamento o da inferriate a sezione piena infisse nel muro;

       abitazione situata agli altri piani: le porte di accesso dell'abitazione devono essere protette per tutta la loro estensione da serramenti in legno o in materia plastica rigida o in metallo o lega metallica e chiusi con serrature, lucchetti o altri sistemi di sicurezza manovrabili esclusivamente dall'interno dei locali. L'ingresso nell'abitazione deve essere avvenuto tramite lo scasso delle chiusure delle porte d'accesso, oppure mediante mezzi artificiosi o l'entrata di una persona attraverso aperture, anche non protette, diverse dalle porte di accesso.

Verificate bene le esclusioni nella Vs. polizza! Sono di regola esclusi dall’assicurazione i danni

a) a cose all'aperto o poste in spazi di uso comune;
b) verificatisi in occasione di incendi, esplosioni, scoppi, scioperi, tumulti popolari, sommosse;
c) agevolati dall'assicurato o dal contraente con dolo o colpa grave, nonché quelli commessi od agevolati con dolo o colpa grave da:
- persone che abitano con l'assicurato od il contraente od occupano i locali contenenti le cose assicurate o locali con questi comunicanti;
- persone dei fatto delle quali l'assicurato od il contraente deve rispondere;
- incaricati della sorveglianza delle cose stesse o dei locali che le contengono;
- persone legate all'assicurato od al contraente da vincoli di parentela o affinità che rientrino nella previsione dell'art. 649 del Codice Penale (n. 1, 2, 3) anche se non coabitanti.

La polizza furto è consigliabile solo per chi è in possesso di beni di particolare pregio o valore!

 


Sei il visitatore n°:

42

Chi Siamo | Servizi | Prodotti | Contatti | Mappa del Sito

Privacy | Copyright | Disclaimer
 
All Rights Reserved 2004. http://www.dinamic.it Design by Giacomini & C. - Cesano Maderno (MI)